Home >> R&D >> BETaaS

BETaaS

 

Building the Environment for the Things as a Service

Programma di Finanziamento

Commissione Europea - FP7 ICT 2011-8

Coordinatore

INTECS S.p.A (I)

Partners

ATOS (ES); Hewlett-Packard(IT); Converge ICT Solutions and Services (GR); Tecnalia (ES); Univ. Aalborg – CTIF (DK); Univ. Pisa (IT)

Data di inizio

Ottobre 2012

Durata

30 mesi

Descrizione

In BETaaS viene sviluppata una piattaforma per l'esecuzione di applicazioni M2M basate su servizi distribuiti in un cloud locale di gateways. Scalabilità, sicurezza, affidabilità, “context-resource awareness”, e QoS verranno incorporati nella piattaforma. La validazione viene effettuata mediante esperimenti mirati a casi d’uso nei contesti della Smart City e dell’ Home Automation.

Motivazione

Oggi ci sono innumerevoli dispositivi in funzione per migliorare la produttività e la qualità della vita degli esseri umani, in tutti i settori tecnologici. Nella maggior parte dei casi, essi operano in isolamento o con pochissima collaborazione tra loro, e hanno uno scopo unico ben definito per il quale sono stati progettati.

Tale situazione non è ottimale in quanto:

  1.  i dati devono essere comunicati in modo centralizzato su Internet dai sensori al centro remoto, in tal modo. In tal modo le “things” e i gateway sono effettivamente separati dal back-end, sia fisicamente che logicamente:

  2.  l'approccio attuale è verticale, vale a dire, ogni applicazione M2M ha il suo centro remoto per l'archiviazione e l'elaborazione dei dati.

Idea

Per superare le limitazioni dei sistemi attuali per applicazioni M2M, BETaaS propone un approccio innovativo basato sui seguenti principi:

  • conservazione ed elaborazione dei dati il più vicino possibile, nello spazio e nel tempo, rispetto a dove vengono generati e consumati;

  • requisiti non funzionali importanti, come la sicurezza, l'affidabilità e il QoS, sono garantiti grazie ad una forte integrazione dei servizi di alto livello con le risorse fisiche dei dispositivi periferici (“things” e gateways);

  • • efficienza energetica e scalabilità dei sistemi sono raggiunti attraverso la distribuzione in loco di contenuti elaborati invece di dati grezzi.

Questi principi saranno realizzati mediante la definizione di una piattaforma content-centric e distribuiti in un cloud locale, gestito dal gateway, che fornisce un ambiente per applicazioni che accedono ai servizi e dispositivi M2M attraverso una serie di servizi.

Obiettivi

Progettare e realizzare una piattaforma runtime per la distribuzione e l'esecuzione di applicazioni M2M content-centric, che si basa su un cloud locale di gateway.

La piattaforma proposta fornirà un’ interfaccia uniforme e servizi per mappare contenuti (informazioni) con le “things” (risorse) in un modo context-aware.

La distribuzione di servizi per l'esecuzione di applicazioni sarà dinamica e prenderà in considerazione le risorse di calcolo dei dispositivi fisici di fascia bassa utilizzate.

A questo scopo la piattaforma dovrà essere basata su un modello di IoT tale da consentire l'integrazione dei componenti BETaaS all'interno del futuro ambiente Internet.

Impatto

Le barriere per entrare nel segmento M2M oggi sono alte dato che il mercato è molto frammentato e sia le esigenze che le aspettative degli utenti sono molto eterogenee. Questo scenario è particolarmente difficile per i piccoli e medi operatori, che non hanno una sufficiente influenza commerciale o la forza per le campagne di marketing di massa. Con la definizione di interfacce aperte, che sarà spinta anche per la standardizzazione nei pertinenti comitati tecnici, i fornitori di servizi M2M hanno ridotto i rischi di investimento in quanto possono riutilizzare le competenze e l'esperienza su diversi progetti e in vari domini.

La piattaforma BETaaS sarà rilasciata come open source per raggiungere i seguenti obiettivi:

  1. beneficiare dei contributi della comunità open source di sviluppatori (in termini di personalizzazione, sperimentazione, sviluppo, ...);

  2. consentire ai fornitori di servizi M2M di concentrarsi sugli aspetti specifici delle applicazioni senza la necessità di lavorare su caratteristiche comuni riducendo i costi di sviluppo e il time-to-market.

Collegamenti

Immagini